Lavoro occasionale, le novità – Il dopo voucher

Lavoro occasionale, le novità – Il dopo voucher

Una nuova disciplina per il lavoro occasionale e un nuovo strumento per regolamentare il lavoro in ambito familiare. Il dopo-voucher comincia a prendere forma, e lo fa con la Manovra correttiva 2017, che di fatto riscrive la disciplina dei buoni lavoro. La manovra ha ottenuto il via libera dalla Camera e si attende il passaggio al Senato per l’approvazione definitiva, fissata entro il 24 giugno.

FAMIGLIE

E’ previsto un libretto telematico, nominativo e prefinanziato, acquistabile sulla piattaforma online dell’Inps. Con il Libretto Famiglia è possibile pagare prestazioni occasionali per piccoli lavori domestici (giardinaggio, pulizia e manutenzione, assistenza domiciliare, insegnamento privato). Il libretto prevede tagliandi telematici del valore di 10 euro l’ora e i contributi, rispetto alle imprese, sono ridotti al 13%. E’ stabilito un tetto massimo di 2.500 euro annui per ogni lavoratore.

IMPRESE

Non potranno ricorrere al nuovo contratto di prestazione occasionale le aziende con oltre 5 dipendenti a tempo indeterminato, quelle del settore edilizio e minerario e quelle esecutrici di appalti di opere e servizi.

La misura minima oraria del compenso netto è pari a 9 euro. Il compenso non potrà essere in misura non inferiore a 36 euro per prestazioni di durata non superiore a quattro ore continuative nell’arco della giornata. Sono interamente a carico dell’utilizzatore la contribuzione alla Gestione separata nella misura del 33% del compenso e il premio dell’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali, nella misura del 3,5% del compenso.

Cambiano notevolmente, rispetto ai voucher, i tetti di utilizzo, poiché per il nuovo lavoro occasionale è previsto un limite massimo valido tanto per il datore di lavoro quanto per il lavoratore. In concreto, non potranno essere richieste e tantomeno effettuate prestazioni per un valore superiore ai 5.000 euro l’anno.

Alle prestazioni occasionali potranno fare ricorso:

le persone fisiche, non nell’esercizio dell’attività professionale o d’impresa, mediante il Libretto Famiglia; gli altri utilizzatori, mediante “Contratto di prestazione occasionale”, purché non abbiano alle proprie dipendenze  più di 5 lavoratori subordinati a tempo indeterminato.

Per saperne di più, chiedi a: ELISABETTA MENGHINI emenghini@an.cna.it

Condividi

Ci dispiace, i commenti sono chiusi per questo articolo.

Cercamarche è il nuovo progetto di Matching tra imprese della CNA provinciale di Ancona. Creiamo reti di impresa per favorire lo sviluppo e le opportunità di business per le aziende e per i privati.

REGISTRATI GRATUITAMENTE e diventa membro della nostra Business Community e potrai inviare e ricevere preventivi, scoprire offerte delle aziende e restare aggiornato sulle opportunità che Cercamarche mette a disposizione.

Condividi Cercamarche

CNA SERVICE Srl
Via Umani 1/A - 60131 Ancona

P.IVA - C.F. - R.Imprese di AN: 01132760420
Tutti i diritti riservati
Privacy Policy

Informativa utilizzo cookies
Condizioni d'uso
Per comunicazioni e assistenza:
info@cercamarche.it

Contact Us

www.cercamarche.it
Via Umani 1/A,
Ancona 60131 Italia
Tel. 071 286081
Fax 071 2868045/6
email: info@cercamarche.it




Powered by
SIXTEMA Spa